>

Cavoli, finocchi e porri, il top della dieta invernale - Commenti ed esperienze con Herbalife - Membro Indipendente Herbalife - Herbalitalia.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cavoli, finocchi e porri, il top della dieta invernale

Pubblicato da Staff Herbalitalia in Alimentazione · 29/10/2013 10:12:41
Tags: DietaInvernaleVitaminaCVitaminaBIntegratoriAlimentari

Diuretici, depurativi, ricchi di vitamine, ideali in cucina.
Finocchi, cavoli, e porri sono dei veri alleati per dimagrire, perché hanno poche calorie, ma anche per fare scorta di vitamine e prepararsi al meglio all'arrivo della stagione più fredda.
Ciascuna di queste verdure ha caratteristiche nutrizionali diverse, alternarle ogni giorno è il miglior modo per assumere minerali e sali minerali diversi, ma anche per raggiungere prima il senso di sazietà, idratarsi e depurarsi. Vediamo quali sono le diverse caratteristiche di ciascuna.

I finocchi, diuretici e digestivi
I finocchi contengono buone quantità di proteine e carboidrati, poi potassio, sodio, calcio e fosforo, vitamina A, B, C, D ed E e acido folico, ma ciò che li rende davvero fantastici per la dieta è il fatto che hanno tanta acqua (il 93) ma pochissime calorie, solo 9 ogni 100 grammi.
Gli oli essenziali contenuti al suo interno, lo rendono molto diuretico e digestivo e stimolante dell'appetito.
Come sceglierli? Quelli migliori devono avere forma compatta, guaine carnose, sode e compatte. A tavola sono perfetti come ingredienti di altri piatti o anche da soli. Qualche esempio? In pinzimonio oppure con le insalate; poi gratinati oppure lessati, negli stufati, con le salse, perfino nei risotti.
I finocchi si conservano in frigorifero per una decina di giorni, ma si possono anche surgelare dopo averli sbollentati a spicchi, lasciandoli coperti con l'acqua di cottura.

Il cavolo, ideale per depurare l'organismo
La caratteristica che lo rende perfetto per un'alimentazione ipocalorica è il fatto che ha potere saziante.
Inoltre è povero di grassi e ha pochissime calorie: solo 22 per 100 grammi. E' composto per il 90% di acqua: un aspetto che lo rende ideale per facilitare la diuresi e dunque depurare l’organismo.
Contiene vitamina A e C , oltre che flavonoidi e glutanione, sostanze che aiutano a combattere l’invecchiamento. Ma c'è un motivo in più per includerlo nella dieta: contiene una grande quantità di fibre che aiutano il lavoro dell’intestino e scongiurano i tumori legati all’apparato digestivo. C'è un'unica controindicazione: eccedere con i cavoli (ma anche broccoli, broccoletti, verze e cavolini di Bruxelles) può causare gonfiore all’addome e diarrea.
Come sceglierlo? Fate attenzione all'aspetto: deve risultare compatto, deve essere pesante e avere le foglie ben chiuse e serrate.

Il porro, per ripulire l'intestino
Il porro è un'ottima fonte di elementi minerali preziosi, è ricco di vitamina A, ha un buon contenuto di vitamina C e discrete quantità di vitamine del gruppo B. È indicato nei casi di stipsi, obesità, anemia e artrite. Tra le tante virtù, abbassa il colesterolo, rafforza il sistema immunitario e aiuta la prevenzione del cancro.
Grazie alle sue fibre contenute nella parte bianca (quella verde, invece, contiene fibre più dure) aiuta a ripulire l'intestino.
Come sceglierlo? La parte bianca deve essere ben turgida e le foglie verdi serrate, fino alla metà del porro. Per conservarli per lunghi periodi, è bene togliere la parte più dura delle foglie, e dopo averli lavati ed asciugati, riporli in frigorifero avvolti in un canovaccio inumidito o in sacchetti di carta.
Fonte: Staibene

Lascia un tuo commento qui sotto




Nessun commento

 
Utenti online
Torna ai contenuti | Torna al menu