>

Troppi zuccheri e carboidrati? Più rischio ictus - Commenti ed esperienze con Herbalife - Membro Indipendente Herbalife - Herbalitalia.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

Troppi zuccheri e carboidrati? Più rischio ictus

Pubblicato da Staff Herbalitalia in Alimentazione · 13/1/2014 10:33:30
Tags: ZuccheriDiabeteDietaIntegratori Alimentari

I cibi ad alto indice glicemico espongono a malattie cardiovascolari.
Una dieta ad alto carico glicemico non solo aumenta il rischio di cancro ma anche quello di altre malattie cronico degenerative: questo è il risultato di uno studio condotto dai ricercatori dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano guidati da Vittorio Krogh, responsabile della Struttura complessa di epidemiologia e prevenzione, che ha messo in luce in particolare il rapporto tra il consumo di carboidrati ad alto indice glicemico, come pane bianco e zucchero, e l'insorgenza di ictus.

Lo studio
Il lavoro, pubblicato sulla rivista scientifica "Plos One", fa parte del progetto Epicor, uno studio sull'associazione tra dieta e incidenza delle malattie cardiovascolari in Italia che nasce come satellite del grande studio oncologico Epic (European Investigation into Cancer and Nutrition) svolto in Italia su oltre 47mila volontari a cui l'istituto partecipa insieme ad altri 22 centri in 10 paesi Europei.
È stato proprio nello studio Epic che lo stesso gruppo di ricercatori aveva messo in evidenza come una dieta ad alto carico glicemico fosse associata ad un maggior rischio di tumore alla mammella.
Lo studio ha permesso di osservare che chi consuma in grande quantità carboidrati ad alto indice glicemico, come pane bianco, zucchero, miele, marmellata, pizza e riso ha un rischio più elevato dell'87% di essere colpito da ictus.

Il ruolo dell'indice glicemico
Sabina Sieri, biologa e nutrizionista dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, precisa: "Con questo lavoro l'indice glicemico degli alimenti si conferma un fattore importante nella definizione di una dieta sana.
Conoscere l'indice glicemico di un alimento e privilegiare il consumo di cibi a basso carico glicemico diventa quindi sempre più rilevante per la prevenzione delle malattie cronico-degenerative".
Fonte: Staibene

Lascia un tuo commento qui sotto




Nessun commento

 
Utenti online
Torna ai contenuti | Torna al menu