>

La dieta giusta per chi lavora di notte - Commenti ed esperienze con Herbalife - Membro Indipendente Herbalife - Herbalitalia.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

La dieta giusta per chi lavora di notte

Pubblicato da Staff Herbalitalia in Alimentazione · 26/2/2014 12:23:53
Tags: DietaIntegratori Alimentari

Come e cosa mangiare quando si è costretti a orari invertiti rispetto alla norma.
Ci sono tante persone che lavorano di notte. Secondo stime recenti, addirittura il 15% della popolazione italiana. Costretti a orari sfasati, ribaltati rispetto alla norma, questi lavoratori notturni vanno incontro spesso a problemi alimentari, perché non sanno bene come regolarsi con il loro personalissimo orologio invertito.
Proviamo allora a individuare le cose giuste da fare e quelle da evitare, in modo da garantire il giusto equilibrio nell'alimentazione anche a loro.

Le cose giuste da fare:
1) Scadenzare pasti regolari ed equilibrati, per quanto possibile a orari "normali" - in questo modo si favorisce il metabolismo, che lavora in modo più efficiente nelle ore diurne rispetto a quelle notturne.
2) Nel pasto che precede il lavoro o per uno snack durante il turno, privilegiare le proteine - le proteine aumentano infatti i livelli di neurotrasmettitori che favoriscono lo stato di veglia.
3) Prima di andare a letto a fine turno, preferire un pasto leggero a base di carboidrati (cereali integrali con latte parzialmente scremato) - i carboidrati sono facilmente digeribili e favoriscono il rilascio di serotonina, la sostanza abbinata al benessere e alla sonnolenza.
4) Bere spesso acqua e bevande fresche non zuccherate - se il corpo non è sufficientemente idratato, aumenta la sonnolenza.

Le cose da evitare:
1) Mangiare in piedi e in fretta; fare pasti abbondanti e ricchi di grassi - è il modo migliore per assicurarsi un senso di pesantezza, bruciori di stomaco e disturbi digestivi vari, tipici dei lavoratori notturni.
2) Ricaricarsi con spuntini ricchi di zuccheri - è solo uno specchietto per le allodole: l'energia incamerata in questo modo è di breve durata; e le fa seguito una sensazione di stanchezza e fatica. Meglio scegliere, allora, yogurt, frutta fresca e a guscio.
3) Esagerare con caffè, tè e altre bevande a base di caffeina - questa sostanza eccitante rimane in circolo per alcune ore, dopo averla assunta; ciò significa che eccedere potrebbe mettere a rischio anche il riposo successivo al lavoro.
4) Bere bevande alcoliche nelle ore che precedono il turno di notte - l'alcol induce una sensazione di stanchezza, rallenta i tempi di reazione, riduce la concentrazione e la capacità di attenzione.
Fonte: Staibene

Lascia un tuo commento qui sotto




Nessun commento

 
Utenti online
Torna ai contenuti | Torna al menu