>

Viva il sale, ma solo quello "buono"! - Commenti ed esperienze con Herbalife - Membro Indipendente Herbalife - Herbalitalia.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

Viva il sale, ma solo quello "buono"!

Pubblicato da Staff Herbalitalia in Alimentazione · 16/10/2013 21:04:37
Tags: SaleAlimentazioneIntegratoriAlimentari

È il condimento più comune ma ne usiamo troppo a rischio della salute. Misura qui il livello di sale negli alimenti che mangi ogni giorno.

Se c'è qualcosa che possiamo trovare in tutte le cucine, questo è il sale. Conosciuto fin dai tempi più remoti, è un prodotto indispensabile per rendere più gustosi e saporiti i nostri piatti, ma ha anche altre funzioni, importantissime per la nostra salute: il sale serve infatti a tonificare le pareti dei vasi sanguigni e svolge un ruolo centrale nella regolazione dell'acqua presente nel corpo umano. Tutto questo é possibile grazie alla presenza, al suo interno, del sodio, una sostanza essenziale per il buon funzionamento di tutto l’organismo.
Il sale serve, ma solo a “piccole dosi”

Tutto bene, dunque? Purtroppo no. Aggiungere troppo sale alla dieta non fa affatto bene alla salute e, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel nostro paese se ne consumano a testa fino a 10 grammi al giorno, mentre la giusta quantità non dovrebbe superare i 3 grammi. Questo accade perché oltre la metà del sale (e quindi del sodio) assunto quotidianamente proviene direttamente dai cibi, in particolare quelli pronti o precotti, ma non solo: questo elemento è presente in moltissimi alimenti, dai latticini ai salumi, ai cereali. Il consumo eccessivo di sale va evitato per non aumentare il rischio di contrarre ipertensione, malattie cardiache, ritenzione idrica, cellulite.
La soluzione che unisce sapore e salute

Per fortuna, diminuire la quantità di sodio nella nostra dieta non è troppo difficile. In primo luogo possiamo ridurre pian piano, ma con costanza, il sale nei condimenti e limitare i cibi che ne contengono molto (ad esempio il prosciutto). Un’altra strategia utile è quella di insaporire i nostri piatti utilizzando erbe aromatiche e spezie. Una ancora migliore è preferire al comune sale da cucina il sale iposodico, che permette di non rinunciare al gusto dei cibi aggiungendo solo il buono del sale. Questo prodotto, ottenuto riducendo il sodio e aumentando il contenuto di potassio, è l’alleato migliore di chi deve seguire, per ragioni di salute, diete povere di sale, ma anche di chi non vuole rinunciare al giusto sapore delle pietanze. Lo so si trova in tutti i supermercati anche nella versione arricchita di iodio.
Fonte: Riza

Come sempre è bene ricordare l'importanza di una alimentazione equilibrata; se poi la stessa è accompagnata da una buona integrazione nutrizionale, meglio ancora.
E tu quanto sale usi in cucina?
Lascia un tuo commento qui sotto




Nessun commento

 
Utenti online
Torna ai contenuti | Torna al menu